Ensogni

di in: Bazar
Ensogni

ensogni ensogni
ente la not
zighi zighi
entra el dì
dir dir
quel che ghè da dir
èser èser
quel che toca èser

sogni sogni
nella notte
urla urla
attraverso il giorno
dire dire
quel che si deve dire
essere essere
quel che tocca essere

El gat a la gabia de la cincia

Vólela nar?
Làsela, làsela nar.
Som chi aposta.
Mòlela quela cincia.
Som famà come ‘n luz,
orbo come ‘n finc,
delicato, però: zaco piam pianim.

Tanto, morìm tuti.
L’è come volar via.
Vólela nar? Làsela, alóra..

Sem tuti ‘n gabia:
fa’ ‘n gesto simbolico, ‘verzi la portèla,
fàne veder come che la vola
la cincia, bèla la me cincia.

Mòlela, mòlela sinò móro
móro de fam, miga d’amor,
mòlela la cincia, la vól volàr.

Vàrdeme, gabiéta, som magro ‘mpicà,
mòla quela cincia, fàmela tastar,
nó védet, som òrbo da la fam, pù orbo de ‘n finc.

Ne volém zà bém: miao miao cip cip,
gabia, som naród, mòlela che móro

Ghe dago mili basi de fam, e po’ de nof mili,
e po’ zento e mili e miliardi,
te darài che la consumo.

Portèla, pòrtela da mi.

La vól anca éla, no l’è che no la vól,
la g’à ‘n poc de rispet ma la vól.

Vólela nar, gabia, vólela?
Làsela nar, làsela, alóra,
ghe som chì mi, mòlemela,
cosa se ghe vól, ‘vèrzi la portèla,
mi da per mi ‘verzo la bóca.

Tanto, ‘spèto, no gò miga presia.

Mòlela la cincia, gabiéta, che l’è ora,
mòlela se la vól, valà che la vól anca éla.

Nada una, ghe n’è po’ n’altra.

Mòlela, te darài che bèl
véderla volàr, en poc la laso nar.

Il gatto alla gabbia della cinciallegra

Vuole andare?
Lasciala, lasciala andare.
Sono qui apposta.
Mòllala quella cincia.
Sono affamato come un luccio,
cieco come un fringuello,
delicato, però: mastico piano pianino.

Tanto, moriamo tutti.
È come volare via.
Vuole andare? Lasciala, allora.

Siamo tutti in gabbia:
fa’ un gesto simbolico, apri lo sportellino,
facci vedere come vola
la cincia, bella la mia cincia.

Mòllala, mòllala sennò muoio
muoio di fame, non d’amore,
mòllala la cincia, vuole volare.

Guardami, gabbietta, sono magro impiccato,
molla quella cincia, fammela assaggiare,
non vedi, sono cieco per la fame, più cieco di un fringuello.

Ci vogliamo già bene: miao miao cip cip,
gabbia, sto male, mòllala che muoio.

Le do mille baci di fame, e poi altri mille,
e poi cento e mille  e miliardi,
vedrai che la consumo.

Sportellino, portala da me.

Vuole anche lei, non è che non vuole,
ha un po’ di ritegno ma vuole.

Vuole andare, gabbia, vuole?
Lasciala andare, lasciala, allora,
ci sono qua io, mollamela,
cosa ci vuole, apri lo sportellino,
io per me apro la bocca.

Tanto, aspetto, non ho mica fretta.

Mòllala la cincia, gabbietta, che è ora,
mòllala se vuole, dài che vuole anche lei.

Andata una, ce ne sarà poi un’altra.

Mòllala, vedrai che bello
vederla volare, per un po’ la lascio andare.

Mise en abîme

En de sta foto
Me mama
La tegne en mam
Na foto
‘Ndo che ghè ela
Però da zóvena

La gà disdoto ani
En de la foto picola
La gà ‘ntorno zocoi de legn
En de la móia forse de l’Ades
O forse al lac de Zei
L’è el 1954

La gà sesantasete ani
En de la foto granda
L’è el 2003
El sorider l’è gualif
Me mare l’à sempre soridest
E no ghè poesia
Che póda dir
Asà grazie

Tuti i pól scòrzersene
En de la foto picola
Me mare l’è bela
De na beleza che no l’è sol de ito bela
Quando che tut l’era pù zovem
Anca el lac o ‘l fiume

Né, vardé, come che volé
Come che la è bela me mare

Ghè ‘l sol
En tute dóe le foto
Tute dóe le done le soride
Come en quel ricordo prim
Che ghò stampà drio i oci
– e no l’è na foto –
De éla
Che
la soride
Lasù
Sul balador
De nosa casa
En de ‘l sol sciopà
En tra i geranj
L’è el 1966
Vago al’asilo
Éla la me saluda da lasù
E  mi so
Che anche se vago a casa del signor
No ghè niente
De cosìta forte
Da perderme
Basta che me vòlta endrìo
Ghè me mare
Che
la soride
En de ‘l sol
La tegne en mam
Na foto
De ela
Da zóvena

Né tuti,
né da me mare
Renza Baccini
Quela che abita en via Prato 60
Né a dirghelo
Che senza el só sorider
L’è tut strof
Né en presia
La trové subit
En de la casa rossa
A tré piani
Zerché el balador
Su via Telani
Ghè éla che ve saluda
E l’è come salvarse

Mise en abîme

In questa fotografia
Mia madre
Tiene in mano
Una fotografia
Che
la ritrae
Quand ’era più giovane

Ha diciott’anni
Nella foto piccola
Calza degli zoccoli di legno
Immersi nella riva forse dell’Adige
O forse del lago di Cei
È il 1954

Ha sessantasette anni
Nella foto grande
È il 2003
Il sorriso è uguale
Mia madre ha sempre sorriso
E nessuna poesia
Può esprimere
Abbastanza gratitudine

Ognuno può controllare
Nella foto piccola
Mia madre è bella
Di una bellezza che non è solo di altri tempi
Quando tutto era più giovane
Anche il lago o il fiume

Controllate pure
Quant’è bella mia madre

C’è il sole
In entrambe le fotografie
Tutt’e due le donne sorridono
Come in quel primo ricordo
Che ho stampato dietro gli occhi
– e non è una fotografia –
Di lei
Che sorride
Da lontano
Sul balcone
Di casa
Nel sole esploso
Tra i gerani
È il 1966
Vado all’asilo
Lei mi saluta da lassù
E io so
Che per quanto mi allontani
Non c’è niente
Di così forte
Che mi faccia perdere
Basta che mi volti indietro
C’è mia madre
Che sorride
Nel sole
Tenendo in mano
Una fotografia
Di lei stessa
Da giovane

Andate tutti,
Andate da mia madre
Renza Baccini
Quella che abita in via Prato 60
Andate a dirglielo
Che senza il suo sorriso
Tutto è buio
Andate in fretta
La trovate subito
Nella casa rossa
A tre piani
Cercate il balcone
Verso via Telani
C’è lei che vi saluta
Ed è come una salvezza.