Finìo

di in: Politica poetica
09 Conte Finioo

mi co sta cura go finìo
salto el turno e torno indrio

coi spasemoni che me frega
co la paura che te sbrega

co sto casin in te la soca
che miscia e carte a verzar boca

che se finisse a essar soca
se se se svoda fa na broca

co casca e giosse le se perde
cussì se bagna anca le merde

sbatème pur, saltème dosso
mi no me resta gnanca un giosso

xe restà el sal, el xe restà a gropi
ma queo xe duro, no te me o tochi

sto frìsar lento, sto tocio scuro
sercalo ben, sercalo puro

go i oci verti
(a criàr se impara)

ste giosse scure
ste curadùre
se te ga stomego
sercale pure… *

Finito

io con questa cura (intesa come attenzione premurosa, e come terapia, e preoccupazione) ho finito / salto il turno e torno indietro / con i grossi spaventi che mi fregano / con la paura che ti strappa / con questo caos nella testa / che mischia le carte all’aprir della bocca / che si finisce per essere uno sciocco / se ci si svuota come una brocca / quando cadono le gocce si perdono / così si bagnano anche le merde / sbattimi pure, saltami addosso / a me non resta neanche una goccia / è rimasto il sale, è rimasto a groppi / ma quello è duro, non me lo tocchi / questo friggere lento, questo sugo scuro / cercalo (anche assaggialo) bene, assaggialo puro / ho gli occhi aperti / a gridare (anche piangere) s’impara / queste gocce scure / questi scarti (di solito di pulizia di verdure o animali, ma il termine evoca la cura nei sensi detti sopra) / se hai coraggio / assaggiali pure…