A ritroso

Raccolgo, qui, una vasta selezione di versi e prose tratta dai volumi ad oggi pubblicati. A questa si aggiunge, in apertura, una scelta di componimenti per la quasi totalità inediti e, comunque, mai inseriti in una silloge. Fatta eccezione per alcuni testi provenienti dall’ultimo libro dato alle stampe, la stragrande maggioranza degli altri è stata sottoposta ad un lavoro, più o meno consistente, di revisione; una riorganizzazione, riordinazione e riscrittura con “la mano”, con “lo sguardo” ed il gusto di oggi. Per tutto quanto appena indicato si può quindi affermare che A ritroso è, per il sottoscritto ed in buona sostanza, un lavoro nuovo. Il titolo rimanda al modo in cui i singoli brani sono stati inseriti nell’opera: dai più recenti ai più datati, appunto. [DANILO MANDOLINI]

di in: De libris (1)
MANDOLINI

Da

UNO

(minima propedeutica per non smettere di scrivere)

Da Seconda scansione del “qui”

 

Il vento si prende una parte di me,

crea una sostanza discosta dagli anni,

la guarda rapito, l’inghiotte, la sputa

ancora la lascia in me ritornare.

 

Oggi il respiro si perde nell’aria,

solo s’annulla in un’altra materia,

resiste, si scioglie, infine s’arrende

al soffio del sole che viene leggero.

 

Da

DUE

 

[una vasta foce di suoni e colori si forma

appena oltrepassata la soglia del risveglio.

 

Le parole sussurrate nel mezzo della folla

che avanza col primo accenno del mattino

raccontano di spaesamenti e sogni andati,

gettano luce e cielo sui tetti delle case

e frammenti di paure dentro il tempo.

 

Il giorno poi viene a ricoprire la città,

a sottrarre pezzi di distanze tutt’intorno

e a lasciare avanzi sciolti di memorie

per non rivelare adesso cos’è il mondo]

 

Da

TRE

(le magnifiche sorti e progressive)

 

Da La disciplina dell’usura

 

[…]

Le merci si vendono sugli scaffali,

si offrono al soffitto che scolora

e alla pioggia che oggi, lì fuori,

come qui dentro, è più fitta che mai.

 

Dalle porte scorrevoli dei mercati,

guardando al cielo sghembo e radente,

si esce simulando una corsa,

si scappa a piccoli gruppi di tre

con una rete di ferro che racchiude,

oltre alla parvenza del bisogno,

alcuni pretesti per non pensare,

illusioni, promesse, istruzioni

e l’amara certezza che esiste,

in questa e in altre parti del mondo,

una compiuta e feroce armonia

tra le tante passioni degli uomini

e l’idea organizzata del possesso

e tra il corpo nudo della ragione

e l’impronta dolcemente violenta

del desiderio di sperimentare,

di conoscere meglio e dominare

ciò che appare differente e ciò

che forse è soltanto troppo uguale.

[…]

 

Da

QUATTRO

Da (maschere)

 

Vasti cunicoli di silenzio ed aria

tra le pareti della casa dei morti

e le innumerevoli date incise

sul dirupo dei pensieri a venire

invocano il bianco della neve

e la consistenza straziata di questa.

 

Resta il ritrarsi di un segreto,

un’estesa ulcera di precarietà

a custodia dell’ultimo intervallo

consumato e perso della vita;

come una soffocata meraviglia

che agli occhi di chi osserva

altro non è che la pena di tutti.

 

Da

SEI

 

Occorre, sul limite della sera,

lambire altre vene, accarezzarle,

sotto la superficie della pelle,

e quindi riporle, intatte, calde,

sopra le striature irregolari

delle porte che qui sono aperte.

 

Soltanto allora ci si accorge

che dei finti cardini ci reggono,

che solo ruotare ci è permesso

e ruotare è augurarsi ancora,

un’ultima, interminabile volta,

che il rettangolo aperto per noi,

sul muro sconnesso che ci precede,

si chiuda sempre con poca forza

lasciando un sottile spiraglio

per i ricordi perduti di domani.

 

[Testi tratti da A ritroso di Danilo Mandolini, Edizioni L’Obliquo 2013 – prefazione di Fabio Franzin]

Un commento su “A ritroso

  1. Marzia Alunni

    L’opera, curata e contestualizzata dal poeta Danilo Mandolini, sorprende il lettore che si appassiona alla scoperta progressiva dei testi. Per molti aspetti anche chi legge queste poesie volge “lo sguardo”, con un’attitudine nuova, al passato, scoprendosi parte integrante dello svelamento graduale, di sé nel privato, e della scrittura poetica. Nonostante la rivelazione proceda sapientemente costruita e dosata, si avverte la presenza dell’inattingibile, come accade alla vera poesia. La rappresentazione del mondo denota un acuto processo ermeneutico, un’indipendenza di giudizio che, per nulla frettolosamente, analizza, contempla, vibra, mimando le più segrete dimensioni dell’esistere comprese nella quotidianità. A ben vedere c’è un “qui” ed ora dal quale partire per procedere indietro nel ricordo incessante, ricreato dalla crescente consapevolezza di essere, mai consolatoria e fatta di compromessi. E’ una maturazione efficace e antiretorica, assistita dalla sicurezza di processi stilistico-formali consapevoli e attenti al gusto ed alla dimensione specificatamente semantica. Marzia Alunni

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *