Archivio Tag: davide racca

L’aquila

di in: Minimanimalia (0)
l'aquila

le ho viste arrivare, nere, sul fondo chiaro del cielo… le nuvole, lente e inesorabili, frontali e giganti come navi da guerra, lo hanno solcato senza fare rumore… e senza fermarsi, fino a scontrarsi, le oscure masse hanno fuso i metalli spargendone il velo… in un attimo – ero lì, sul filo teleferico – tuoni, [continua]

La cavalletta

di in: Minimanimalia (0)
la cavalletta

sai, spesso ci penso alla strada da prendere, ma credo che in fondo non si scelga mai! solo di tanto in tanto si è decisi… e, appunto allora, esattamente quando lo si è, insorge il dubbio che la direzione presa non sia proprio quella giusta… e arriverà sempre un colpo di vento a insinuare le [continua]

Davide Racca, Nel dispositivo attuale del vecchio potere

È appena uscita una nuova edizione del racconto di Franz Kafka Nella colonia penale (Zona Contemporanea) – traduzione, cura e disegni di Davide Racca. Ne presentiamo in anteprima due estratti.

L’ostrica

di in: Minimanimalia (0)
l'ostrica

a chi dire questo vuoto… questa spessa orma di niente intorno dispersa sulla riva… non al mare, non al vento e neanche a me stessa. una scossa, uno strappo, un gorgo nell’intimo, e qualcuno ha rubato la mia anima, così faticosamente lavorata nel tempo… una lama, una luna tagliente penetrata tra le valve… un bagliore [continua]

La tartaruga

di in: Minimanimalia (1)
Disegno di Davide Racca

essere dentro, essere fuori: non so come spiegare questo doppio stato! ma ciascuno ha il proprio lato oscuro… quando sono dentro, al minimo sentore di malessere, faccio presto a mettere il naso fuori per una boccata d’ossigeno. e poi di nuovo a ritroso: quando il malessere è fuori, rientro dove mi sento più sicuro e [continua]

Il serpente

di in: Minimanimalia (0)
Disegno di Davide Racca

mi hanno sempre parlato di una muta fatta di una spirale finissima… una seta – dicono – lavorata già dal tempo dei tempi… con intarsi che a ogni minimo soffio rivelano venature cangianti di una miniatura sempre nuova. e da ogni miniatura una scrittura trapela dove una parola incontra le altre tacendo e parlando continuamente [continua]

L’avvoltoio

di in: Minimanimalia (0)
RACCA Avvoltoio

da qualche tempo faccio solo pensieri guasti… e penso di essere l’essere più giusto al mondo! il male che mi parte dallo stomaco non può che riflettersi nel cosmo… e mi accorgo che ogni punto intestinale è l’epicentro del più tremendo tormento universale. da lì penso al male che nel mondo non è mai risolto… [continua]

Il ragno

di in: Minimanimalia (0)
Disegno di Davide Racca

un filo sottile… e poi un filo più sottile ancora! filare è il compito del mio mestiere, ed è un lavoro di solitudine! se si vuole filare la stabile trama per una dimora bella e sicura, si devono esaminare le correnti, celarsi ai venti, indagare circospetti il comportamento di rami, foglie, polveri e insetti. calcolare [continua]

Il camaleonte

di in: Minimanimalia (0)
Disegno di Davide Racca

… perché non possiamo che essere provvisori nell’approssimare una conoscenza, per chiarire a noi stessi le ragioni delle nostre presenze e ridefinire le sembianze della nostra pelle… e per che cosa poi? per salvarne le apparenze? certo la realtà è una feroce illusione; ma l’illusione è una realtà ancora più feroce… perché sa essere anche [continua]

Il mulo

di in: Minimanimalia (0)
Disegno di Davide Racca

… lo sento! lo sento, sì che lo sento, il calore del vento… arriva forte e chiaro il segnale del tempo! la gemma dal pistillo e il bruno spento del bianco inverno si reinventa… il verde prima inerme, tenue, poi più spesso, scuro, linfatico, violento… richiamo struggente di stagione, polline, alcove volanti nel cuore dei [continua]

Il cane

di in: Minimanimalia (0)
Disegno di Davide Racca

mia madre una cagna piuttosto slanciata, pelo biondo, elegante a suo modo… ma troppo curata per essere una di strada! mio padre un cane nero, grosso e, a causa della vita, ruvido. io, allevato come si può, mammella combattuta fin dalla nascita, sono l’unico superstite di una figliata disperata… adottato e abbandonato, mi sono inventato [continua]

L’orso

di in: Minimanimalia (0)
RACCA orso

venne il vento, il primo freddo pungente. vagavo vuoto come foglie, gli alberi spogli tramavano il cielo. era un attimo e una stagione, ed ero niente… il sonno si spandeva nel sonno: scavava nel sonno, si radicava nel sonno… la bocca cavernosa di una tana mi richiamò con un lungo polifonico sbadiglio. entrai nel suo [continua]

Le alici

di in: Minimanimalia (0)
RACCA Alici

… e la corrente ci batosta, ci sbatte senza appigli, ci sparpaglia nella tempesta… solo insieme restiamo vivi nonostante la perturbazione. ma poi tutto rientra, si ricompone la calma e la solitudine ci raccoglie nella sete di cose solite. certo un bagliore ci attrae, lo spavento sta sempre in agguato. eppure ogni cosa rientra al [continua]

L’elefante

di in: Minimanimalia (0)
Disegno di Davide Racca

… una nube, ecco! o meglio, un cerchio di nubi mi sorprende ogni volta che tento di riaprire gli occhi. ma è insensato… non vedo! mi resta solo la memoria della mia vita: gli odori, le voci, i richiami, gli amici… posso sentirne ancora i passi a mille miglia di anni. è tutto intatto, e [continua]