Creazione istantanea da sgomento

di in: Politica poetica
Luigi Ghirri, La porta del cielo

Luigi Ghirri, La porta del cielo

Stregati da un jingle siamo, finiti, tutti seduti dopati capiti
L’azzurro reclama, l’azzurro sublima, questa puntata che sa di rapina
Se fuori non parte nessuna avventura, restiamo rapiti da suoni più miti
Nel buio d’intorno, nella cucina, un’eco di sogno adesso sviolina

Ripete le mosse un solo copione, che forse qualcuno dirà  confezione:
Il blu della stoffa è un’impronta azzeccata; nel segno, e nel fondo,  pulita, ordinata
Un fumo sospeso di compensazione  prepara gli astanti all’astuta visione
Adesso riparte la scia musicata, talmente  leggera che pare incantata…

Succede ogni giorno, quest’inconveniente. E resti inchiodato a quel senso di niente.