Poesie dell’amor fuggitivo

Conte Poesie DEF

1.

‘A vose alta no la piase,
se spaventa chi che tase.
E se dopo vien un tremo
mejo se qua se scondemo.
La to boca xe ‘a caverna
e la sconde ‘na gran belva,
ma se el fieo te tira dentro
co te sciopa proprio el centro,
che sia vivar butar fora
chi che more soeo lo ignora.
Mi qua salto e qua bestemo
e no metto nessun freno.
Se te rompo ‘a to armonia 
tote i strassi e cori via.
Mi me piase spacar tuto,
mi me piase ‘sto casìn
che rovina el to star chieto
e te fa scampar pisìn.
Cori cori cambia strada
scarta  anca ‘sta magagna,
tanto riva sempre prima
la paura che te magna.

 

La voce alta non piace/si spaventa chi tace/E se dopo viene un tremito/meglio se qua ci nascondiamo/La tua bocca è una caverna/e nasconde una gran belva/ma se il filo ti tira dentro/quando ti esplode proprio il centro/che sia vivere buttar fuori/chi muore solamente lo ignora/Io qui salto e qui bestemmio/e non mi metto nessun freno/Se rompo la tua armonia/prendi i tuoi stracci e corri via/A me piace spaccare tutto/a me piace questo casino/che rovina il tuo stare tranquillo/e te la fa fare sotto/Corri corri cambia strada/scarta anche questo problema/tanto arriva sempre prima/la paura che ti mangia.

 

2.

Reversame
volteme in do
fame su  in quatro
piegheme in otto.

Cuseme la boca
e dame la to aqua.

Te serco nei busi sui muri,
te vardo traverso li scuri
ma resta i pensieri desfai
e i oci un pocheto serai.

Se manca la voja de corar
forse no xe la so ora,
el leto me pissiga in testa,
de giorno no sento la festa.

Voria rodoearte su l’erba,
voria ziogar ae to carte,
ma riva ‘sto vento indigesto
e mi no me basta el to resto.

 

Rovesciami/voltami in due/fammi su in quattro/piegami in otto/Cucimi la bocca/e dammi la tua acqua/Ti cerco nei buchi sui muri/ti guardo attraverso gli scuri/ma restano i pensieri disfatti/e gli occhi un pochino chiusi/Se manca la voglia di correre/forse non è l’ora/il letto mi pizzica in testa/di giorno non sento la festa/Vorrei rotolarti sull’erba/vorrei giocare alle tue carte/ma arriva questo vento indigesto/e a me non basta il tuo resto.

 

3.

Se te vardo, i oci me se incanta
e anca l’anima se rebalta.
La to boca par ‘na cuna, 
‘na foja de bosco, ‘na nuvoea col fosco
e se vardo anca el to corpo tuto intiero
resto ferma, che no te me par vero.
Quel che me verze dentro,
quel che me fa pianzer
xe che te me par cusì picoeo picoeo, 
che voria segnar ‘sti to arzini coi basi,
che voria tegnerte sempre streto e proteto
qua che te dormi tranquio sul me leto.
Te sento davero come ‘na creatura,
‘na roba fonda e granda che respira,
un  gorgo de aqua che soto me tira,
de un verde fresco, ti te si la natura.
E mi no me stanco mai de vardarte
anca se el vodo me miscia le carte.
E da novo te me par ceo, curto e finio,
e  in ‘sto sogno, te me par mio.

 

Se ti guardo gli occhi mi si incantano/e anche l’anima si rovescia/La tua bocca sembra una culla/una foglia nel bosco,una nuvola col brutto tempo/e se guardo anche il tuo corpo tutto intero/resto ferma, che non mi pari vero/Quello che mi apre dentro/quello che mi fa piangere/è che mi sembri così piccolo piccolo/che vorrei segnare questi tuoi argini coi baci/che vorrei tenerti sempre stretto e protetto/qua che dormi tranquillo sul mio letto/Ti sento davvero una creatura/una cosa fonda e grande che respira/un gorgo d’acqua che sotto mi tira/di un verde fresco, tu sei la natura/E io non mi stanco di mai guardarti/anche se il vuoto mi mischia le carte/E di nuovo mi sembri piccolo, corto, e finito/e in questo sogno, mi sembri mio.

 

4.

Se digo che qua me manca la carne
tra tute le robe che pol mancarme,
te devi credar a ‘sta amara protesta
orba e ingiusta co quel che resta.
Mi no sento pì né vosi né canti
se qua no torna i to strani incanti
e se no riparte quel girotondo
che ancora me fa sentir al mondo.
Xà  te vedo che te ridi e te scampi, 
che te sparissi co tuti quanti,
e mi no so de cossa sfamarme
gnanca la forsa de contentarme.
Prima de dirlo bisognaria provarlo
‘sto sbrego de fondo, ‘sto  gran tarlo
che storze la boca e cava el fià
e te fa sentir fa un balon sciopà.
Speto che rive l’aria pì fresca,
speto la pase che el scuro me impresta,
tanto col sol riparte ‘sta giostra
sparisse el do e l’uno se mostra…

 

Se dico che qua mi manca la carne/tra tutte le cose che possono mancarmi/devi credere a quest’amara protesta/cieca e ingiusta con quello che resta/Io non sento più né voci né canti/se qua non tornano i tuoi strani incanti/e se non riparte quel girotondo/che ancora mi fa sentire al mondo/Già ti vedo che ridi e che scappi/che sparisci con tutti quanti/e io non so di cosa sfamarmi/neanche la forza di accontentarmi/ Prima di dirlo bisognerebbe provarlo/questo strappo di fondo, questo grande tarlo/che storce la bocca e toglie il fiato/e ti fa sentire come un pallone scoppiato/Aspetto che arrivi l’aria più fresca/aspetto la pace che il buio mi presta/tanto col sole riparte questa giostra/sparisce il due e l’uno si mostra…

 

5.

Se podesse darte fogo, 
farla finia co ‘sto ziogo,
co ti che te te scondi
e gnanca te me scolti.
Voria cavarte i oci,
voria levarte el cuor
tanto par che no ‘l te serva
e che el me pianto se disperda.
Mi me sento un buratin
e vedo i fii nee to man.
Voria tirar e rompar,
voria ridar e scampar,
vardarte da lontan 
e no sentir tuto ‘sto mal.
Invese sto qua ferma
co l’aria da inferma
e i oci sbaestrai, vodi, insonai
come no li go visti mai.

 

Se potessi darti fuoco/farla finita con questo gioco/con te che ti nascondi/e neanche mi ascolti/Vorrei cavarti gli occhi/vorrei levarti il cuore/tanto pare che non ti serva/e che il mio pianto si disperda/Io mi sento un burattino/e vedo i fili nelle tue mani/Vorrei tirare e rompere/vorrei ridere e scappare/guardarti da lontano/e non sentire tutto questo male/Invece sto qui ferma/con l’aria da ammalata/e gli occhi sottosopra, vuoti, assonnati/come non li ho visti mai.

 

6.

In ‘sti mesi go sercà la fame, go scoà i to resti
go ingrumà i pensieri, anca quei foresti
e me trovo qua, su ‘na calma strana
come fusse un bosco dopo ‘na buriana.
L’aqua ancora sgiossa,
pian la score via
e la se strassina drio
anca la me apatia.
Drita son tornada,
sbrissa via el to peso,
via l’aria malada,
spuncio come un fuso.
Se tuto xe stà un sogno,
mi no sento pì bisogno.
Se gera tutto vero,
no se vede pì l’intiero.
E vegna pur el fosco
e torne anca el fogo,
no me spaventa gnente, 
che desso so el to ziogo.
Rivedo tuto quanto,
rivivo quel che sento,
ritrovo la me morte,
riparto co la sorte.

 

In questi mesi ho assaggiato la fame, ho scopato i tuoi resti/ho accatastato i pensieri, anche quelli sconosciuti/e mi trovo qua, in una calma strana/come fossi un bosco dopo una tempesta/L’acqua ancora gocciola/piano scorre via/e si trascina dietro/anche la mia apatia/Dritta son tornata/scivola via il tuo peso/via l’aria malata/pungo come un fuso/Se tutto è stato un sogno/io non ne sento più il bisogno/Se era tutto vero/non si vede più l’intero/E venga pure l’oscurità/e torni anche il fuoco/non mi spaventa niente/ché adesso conosco il tuo gioco/Rivedo tutto quanto/rivivo quel che sento/ritrovo la mia morte/riparto con la sorte. 

 

7.

El mistero de vedar nero,
de capir poco se manca el ciaro, 
come ‘na nuvoea destirada
sora ‘na foto imaginada.
Questo me resta in ‘sto momento
questo ora suga el me tormento,
e lassa un poco intorpidia
la carne stanca che torna mia.
El giro perso in cui me riverso
ga finio desso a so giravolta,
el turno cambia, ritrovo el passo,
go fià bastansa par n’altra volta.
Se also ‘a testa che gera mesta
ritorno fiera e riparte ‘a festa,
no xe pì tempo de sofegarse,
de far i muti come le comparse,
rilancio la bala nel campo avversario
e me cavo via ‘sto nero sudario.
Soeo el tempo sa regalar la voja intatta de cantar
de vedar ciaro anca nel scuro,
de far de manco del tuto sicuro
quando i to oci sa rivardar e le to gambe dise: ndar!

 

Il mistero del vedere nero/di capir poco se manca il chiaro/come una nuvola distesa/sopra una foto immaginata/Questo mi resta in questo momento/questo ora asciuga il mio tormento/e lascia un poco intorpidita la carne stanca che torna mia/Il giro perso (a vuoto) in cui mi rovescio/ha finito ora la sua giravolta/il turno cambia, ritrovo il passo/ho abbastanza fiato per un’altra volta/Se alzo la testa che era mesta/ritorno fiera e riparte la festa/non è più tempo di soffocarsi/di fare i muti come le comparse/rilancio la palla nel campo avversario/e mi tolgo via questo nero sudario/Solo il tempo sa regalare la voglia intatta di cantare/di veder chiaro anche nell’oscuro/di fare a meno del tutto sicuro/quando i tuoi occhi sanno ri-guardare e le tue gambe dicono: andare!

 

8.

Rampegarse testardi in salita
savendo ben che no xe ‘na gita;
se la to paura te frega le scarpe
a man nude te devi fracarte
vanti, e vanti ancora,
ciapando la strada 
ovunque la vada.
Seguendo el to estro
te torni tra le bestie,
nasando l’asfalto
te scampi la to guera,
sercando la tera
te purghi la to carne.
E quel che resta
xe la to conquista:
l’aria respirada,
l’imagine voltada,
i odori che te porta,
la vita che te impresta
i contorni a le to gesta,
drita verso el to morbìn
che par i altri xe: destìn.

 

Arrampicarsi testardi in salita/sapendo bene che non è una gita/se la tua paura ti ruba le scarpe/a mani nude devi spingerti/avanti, e avanti ancora/imboccando la strada/ovunque vada/Seguendo il tuo estro/tu torni tra le bestie/annusando l’asfalto/scampi la tua guerra/cercando (assaggiando) la terra/purghi la tua carne/E quel che resta/è la tua conquista/l’aria respirata/l’immagine rovesciata (capovolta)/gli odori che ti portano/la vita che presta/i contorni alle tue gesta/dritta verso il tuo desiderio improvviso/che per gli altri è: destino.

9.

Rimesta el vento la me criniera
per farme sentir la svelta rincorsa
del verde de fora
che me veste da signora
e me lusinga i sensi verti,
me squaglia de forsa,
me impisa la corsa,
e no me sento pì dentro mi stessa
se scarcera el corpo ne la legeressa
de perdar el peso,
del vivar sospeso,
de l’attimo perso
che parla diverso
e sbrissa el to nome
in forma de canto,
no se sa come
el se muta in pianto,
e dopo anca queo
se volta in ricordo,
in qualcossa che perdo
se vardo e rivardo.
Te speto qua soto,
in mezo a ‘sto verde
di là de la zente
dove el vivar xe chieto, e neto,
e tuto sa, de bon e de fen.

 

Il vento rimesta la mia criniera/per farmi sentire la svelta rincorsa/del verde di fuori/che mi veste da signora/e mi lusinga i sensi aperti/mi scioglie a forza/mi accende la corsa/e non mi sento più dentro me stessa/si scarcera il corpo nella leggerezza/del perdere il peso/del vivere sospeso/dell’attimo perso/che parla diversamente/e scivola il tuo nome/in forma di canto/non si sa come/si muta in pianto/e dopo anche quello/si trasforma in ricordo/in qualcosa che perdo/se guardo e riguardo/Ti aspetto qui sotto/in mezzo a questo verde/di là dalla gente/dove il vivere è tranquillo, e pulito/e tutto ha sapore (odora), di buono e di fieno.

10.

A volte la note e el giorno se volta
se se scolta ‘na predica stravolta.
A volte el sol te orba e el ciel te sbrega
te te senti fermo e vodo come ‘na carega.
Manca quel corpo morbido da visìn
manca la forma impresa sul to cusìn,
e caminando nel’istà che se fa grando
quel che te vivi riva sotegando
le recie se stropa,
el caldo te copa,
el fià che manca,
la carne xe stanca,
par tuto diverso,
par tuto stranìo
e quel che sentivo no xe pì mio.
La strada che curva ne portava domande
e co le rincorse le voje che spande.
La strada de desso no mostra sorprese
el me passo  xe breve, le voje xe arese.

 

A volte la notte e il giorno si scambiano/se si ascolta una predica stravolta/A volte il sole ti acceca e il cielo ti apre in due/ti senti fermo e vuoto come una sedia/Manca quel corpo morbido vicino/manca la forma impressa sul tuo cuscino/e camminando nell’estate che si fa grande/quello che vivi ti arriva zoppicando/le orecchie si tappano/il caldo ti ammazza/il fiato che manca/la carne si fa stanca/sembra tutto diverso/sembra tutto stranito/e quel che sentivo non è più mio/La strada che curva ci portava domande/e con le rincorse le voglie che spandono/La strada di adesso non mostra sorprese/il mio passo è breve/le voglie sono arrese.

11.

Nei libri consumai dal tempo  se ciamava usbergo
el fero che ‘torno al cuor faseva albergo;
nei giorni de la  stagion foresta  xe ‘na corassa
la pele che se involta al cuor come ‘na strassa
e come gera forte e duro el caro scudo,
de vero sta devegnendo el me cuor nudo.
Se ognuna de le to parole ga fato un buso
de tuto el vodo che qua sento mi no te scuso,
son ‘ndada incontro a ogni colpo co la testa alta
ma giasada, la to vose falsa xà me ribalta
e me rivolta i oci, cusì fredi, che te me mostri
che se roba tuti  i  sogni che gera nostri.
Ma vegnarà el giorno che anca ti te sercarà ‘sto pan,
che te rivardarà tuto da lontan,
che te mancarà el respiro del me fià,
che ridendo te pasarà de qua,
e quel giorno te contarò ‘na storia diversa,
de ‘na putea che se sentiva persa,
de ‘na dona che xe deventada signora,
de ‘na vita che pì no la se scolora.

 

Nei libri consumati dal tempo si chiamava usbergo/ il ferro che attorno al cuore faceva albergo/nei giorni della stagione sconosciuta (straniera) è una corazza/la pelle che avvolge il cuore come uno straccio/e come era forte e duro il caro scudo/di vetro sta diventando il mio cuore nudo/Se ognuna delle tue parole ha fatto un buco/di tutto il vuoto che qua sento io non ti scuso/sono andata incontro ad ogni colpo a testa alta/ma ghiacciata, la tua voce falsa già mi rovescia/e mi fanno rivoltare gli occhi, così freddi, che mi mostri/che si rubano tutti i sogni che erano nostri/Ma verrà il giorno in cui anche tu assaggerai questo pane/che riguarderai tutto da lontano/che ti mancherà il respiro del mio fiato/che ridendo passerai di qua/e quel giorno ti racconterò una storia diversa/di una bambina che si sentiva persa/di una donna che è diventata signora/di una vita che più non si scolora.

12.

El primo istinto xe sempre fondarse,
sercar le radise de cui liberarse,
rincorar ‘na bala che cambia de strada
e vedar la porta de prima sbarada.
Alora te resti un pocheto intronà,
dal vento improviso te vien sbatocià,
co tuti i to strassi che ormai xe cascai
e i se porta el to nome nel mondo del mai.
E cambia le robe che pol incantarte:
‘na sboretoea verde movendose ad arte,
el muscio testardo e sensa riguardo
che tuto coverze e i contorni se perde,
e quel che fin ieri te gavea inciodà
desso te fraca a ‘ndar via de qua.
Riverzi la pansa, rintoca el to tempo,
rinasse da novo tuto un sentimento:
la pele che siga al ricordo che intriga,
i oci che preme sul viso che freme,
el pianto ribaldo se ga dissecà
ma la nova pianta la bussa tra un fià…

 

Il primo istinto è sempre mettere fondamenta/cercare le radici di cui liberarsi/rincorrere una palla che cambia di strada/e vedere la porta di prima sbarrata/Allora resti un pochino rintronato/dal vento improvviso vieni sbattuto/con tutti i tuoi stracci che ormai sono caduti/e si portano il tuo nome nel mondo del mai/E cambiano le cose che possono incantarti/una lucertola verde muovendosi ad arte/il muschio testardo e senza rispetto/che tutto ricopre e si perdono i contorni/e quello che fino a ieri ti aveva inchiodato/adesso ti spinge ad andare via di qua/Riapri la pancia, rintocca il tuo tempo/rinasce di nuovo tutto un sentimento/la pelle che grida al ricordo che ingombra/gli occhi che premono sul viso che freme/il pianto ribaldo si è disseccato/ma la pianta nuova bussa tra un po’…