Poema pastorale

Poema Pastorale

16 novembre

Spetame se sto rivando
traverso ‘na pianura scura,
savendo che saria tornada
co l’attesa de ‘na premura.

Le vie ga perso el nome,
ga ‘n altro sesto, ma ghe l’impresto
e quanta xe ‘a fadiga a scordarseo col soriso
e portarse in paradiso tegnendo fermo el viso.

Qua parla ‘na vose foresta
ma desso no val pì protesta,
se sfalsa pian anca el passo
ma el vivar vol un contrappasso,
tegnerse streti no basta
se intanto se verze la festa

e quando parte el canto
e la musica sona,
ritorna la stagion e la persona,
el bianco e ‘l nero, el sugo de la pesca,
la lingua strana e l’acqua fresca.

Xe come se vibrase la tera intiera,
xe come tornase a la me frontiera,
rimettar le do man sora la porta
e vedar smissià ancora el iera e ‘l fora;

se giro ‘e ciavi de ‘sta stansa morta
e speto quel che ai oci se  porta
xe ombre sui veri el teatro cantante,
ma col sol a pico e ‘l cuor festante

e la notte, che sento fonda,
piano piano la me monda.

Aspettami se sto arrivando/attraverso una pianura scura/sapendo che sarei tornata/ con l’attesa di una gentilezza/ Le strade hanno perso il nome/ hanno un altro aspetto ma glielo presto/ e quanta è la fatica di scordarselo con un sorriso/ e portarsi in paradiso tenendo fermo il viso/ Qui parla una voce poco familiare/ ma ora non vale più protestare/ si differenzia piano anche il passo/ ma vivere vuole un contrappasso/ tenersi stretti non basta/ se intanto incomincia la festa/ E quando parte il canto/ e la musica suona/ ritornano la stagione e la persona/ il bianco e il nero, il succo della pesca/ la lingua strana e l’acqua fresca/ E’ come se vibrasse la terra intera/ è come tornassi alla mia frontiera/ rimettere le due mani sulla porta/ e vedere mescolati ancora l’ “era” e il fuori/ Se giro le chiavi di questa stanza morta/ e aspetto quello che agli occhi si offre/ sono ombre sui vetri il teatro cantante/ ma col sole a picco e il cuore festante/ e la notte, che sento fonda/ piano piano mi monda.

*

18 novembre

Dopo le ore malferme del ciel che inscura
pì forte l’istinto el te preme sul dentro,
te riva na voja che ‘a salta el to nome,
se freme la spinta che senso ‘ndar contro.

Riperdo i me strassi,
reimparo quei passi
in ‘sta sera strana
che ‘a me vol, che ‘a me ciàma,

e son piena de porte, son fatta de busi,
me traversa el senso, el vento, e le vosi,
e ‘desso riva st’altra, ‘sta stea picinina,
‘sta pele bianca, ‘sta vita de matina

e anca la notte par desmentegarse la paura,
varda, la  se traveste da alba scura,
e intanto le bestie reintona el so canto
respira la tregua  che impasta  ‘sto incanto.

El rosso se sconde,
le parole confonde,
l’inciampo te sbrissa
ma el passo se fissa,

resta el bianco e l’argento,
el marmo, e ‘l travestimento,
resta el nero dei oci, e ‘sto ruvido peso,
che se porta via el tempo e ‘l te lassa sospeso.

Parfin del  perso se intona el perdono,
se volta de segno el dono, e ‘l “sono”,
dormìmo su ‘sta acqua che ne move pian,
‘desso xe doman, ciàpelo ne le man.

Dopo le ore malferme del cielo che si fa scuro/più forte l’istinto ti preme sul dentro/ ti raggiunge una voglia che non bada al tuo nome/se freme la spinta che senso ha andarci contro/ Riperdo i miei stracci/ reimparo quei passi/ in questa sera strana/ che mi vuole, che mi chiama/ E son piena di porte/ sono fatta di buchi/ mi attraversano il senso, e il vento, e le voci/ e adesso arriva quest’altra, questa stella piccolina/ questa pelle bianca, questa vita di mattina/ E anche la notte pare dimenticarsi la paura/ guarda, si traveste da alba scura/ e intanto le bestie reintonano il loro canto/ respira la tregua che impasta questo incanto/ Il rosso si nasconde/ le parole confondono/ l’inciampo ti scivola/ ma il passo si fa sicuro/ restano il bianco e l’argento/ il marmo e il travestimento/ resta il nero degli occhi, e questo ruvido peso/ che si porta via il tempo e ti lascia sospeso/ Perfino delle cose perdute si intona il perdono/ si voltano di segno il dono, e il “sono”/ dormiamo su quest’acqua che ci muove piano/ adesso è domani, prendilo nelle mani.

*

29 novembre

Stanotte me go vista,
traversavo ‘na tempesta,
gero persa ne la testa,
rancurava l’aria fosca.

Sensa pele son tornada
qua da novo a riverirte,
vita mata che te inciodi
quando se vorìa sfugirte

se val ben insenociarse
par ciapar dal vento el nome,
el me fio xe robe sparse,
damme ‘e vesti e la misione.

Senti  el coro del to vanti,
senti  in vivar tuti quanti,
el  rumor che fa i rimpianti
e ‘l miel dei corpi amanti.

Varda ‘a strada, la se verze
le rovine se descuerze
se ‘l  giardìn e ‘l so candor
sempre pì lo slarga,  Amor.

Stanotte mi son vista/ attraversavo una tempesta/ ero persa nella testa/ mi rattristava (anche mi prendevo cura del)l’aria fosca/ Senza pelle son tornata/ qui di nuovo a riverirti/ vita matta che sai inchiodare/ quando si vorrebbe sfuggirti/ Se è giusto inginocchiarsi/ per ricevere dal vento il proprio nome/ il mio filo (anche pena) sono cose sparse/ dammi le vesti e la missione/ Senti il coro del tuo “avanti”/ senti, presi nel vivere, tutti quanti/ il rumore che fanno i rimpianti/ e la dolcezza dei corpi che si amano/ Guarda la strada, si apre/ le rovine si discoprono/ se il giardino e il suo candore/ sempre più lo allarga, Amore.