Andonio dalla capa leggera

Prima parte di una farsa letta in sogno a Pier Paolo Pasolini, che dopo aver molto riso, si è addormentato contento. [R. B.]

BRINDISI Andonio

Cenzina – Figlie mie, stamme a ssende: piglia la crapa vecchia e portalla alla fera de Pietraadda. Nu la venne pe mene de nove turnése.
Si te dìscene ca tene l’anne de Ddie, nu nte piglià veléne. Responne ca è na bbestia adducata, tene cumbagnìa, e nu coscca maie alla digiuna. Pìgliete na stozza de pane e fatte lu segn de la crosce…

Andonio – E si trove nu cane pe nnanze?

Cenzina –
Digne: “Lauramm Ddie!”

Andonio – E si me vòle muzzecà?

Cenzina – Ménegne na scorza de pane.

Andonio – E si vòle savé a chi so figlie?

Cenzina – Responnegne ca si figli’ a Cenzina Micceppì.

Andonio – E si gn vene l’alma de fa doie passe cu mmi?

Cenzina – Pìgliele a sandificazione dell’anima.

Andonio – E si mezze a la via nova, se scaténene lambe a trone?

Cenzina – Ditte n’Avemaria.

Andonio – E si me la scorda…

Cenzina – Recita na Recuiamaterna.

Andonio – E si, pì’ lu sccande de li trone, me ncacaglia a parlà?

Cenzina – Va da Mechel Puparul, ca t’ scacaglia… (ride).

Andonio – E si m’ voglie assettà e nun trova na seggia?

Cenzina – Assèttete sova nu penziere de Ddie.

Andonio – E si trova pe nnanze na merda d’ ciucc’…

Cenzina – La scanza.

Andonio – E si quedda s’offende.

Cenzina – Sònegne na tarandella…

Andonio – E si nu trov la fisarmonica…

Cenzina – Uagliò… hai cotte u cuore… e i purtualle inte a u stipe…

Andonio – E si la Pringipessa m’ vol p’ zit?

Cenzina – Dign: “Bella, la mostra!”

Andonio – E si quedda nziste?

Cenzina – Avvòtegne lu panare.

Andonio – E cum s’avvota?

Cenzina – Cum l’anema de chi t’è muo… Figlie bbell… t’agg fatte grosse, belle mbustare, e nun saie manche cum s’avvota lu panare…

Andonio – …Cumma Sciuscella gèse a lu spusalizie de Scozzelafave e gn’arrialàse quatte procchie e nu pirite de zambugnare…

Cenzina – Uagliò…ma u saie ca si na nzenga scustumare?

Andonio – La atta nu magna fasul, la cavecerogna nu è sccanarà…

Giovanna – Scusate… sono qui di passaggio… mi dareste un’acciatura di lardo?

Cenzina – Ma il lardo lo portate secomecoteco?

Giovanna – Non tengo né lardo, cunzerva o altra cosa… tengo il mio cuore, che addora di rosa…

Andonio – (si accosta a Giovanna e l’addora) Sorella mia… ca mi potreste essere ziana e mammaranna… dispiace al mio cor altero, ma voi addorate di fumiero…

Giovanna – Scusate, bell’omo… mi portate in un tango, un tango del mistero?

Andonio – Signora bella… voi avete i pappele ndesta… chiedete un’acciatura di lardo e ve ne venite senza lardo… vorreste, umilmente, bailar un tango del mistero, savire che lo tango si abbaila stringiate, vocca nella vocca, e cacciate un fetor di fumiero…

Cenzina – Lavatevi dapprima con una ndorchia di sapone Scala o Doppia Scala…

Giovanna – E dove si venne?

Cenzina – A due passi… c’è il Titese, nel vicolo della chiesa acchiesata…andate a nome mio… dite che vi manda Cenzina Micceppì, e vi farà sparagnare…

Giovanna – Ma voi, Cenzina, mi attendete?

Cenzina – Certo… mica sono ciuota!… e stesso che andate dal titese, mi accattate, per amore di Santo Gravuoglio, doie cannele per quando fa scuro, sessantre grammi di oglio, un puparulo cruscco, due dita di conserva dolcia, un formaggino bebè e una saraca?

Giovanna – Nient’altro?

Andonio – Stesso che vi trovate… e se non vi pesa, accattate dieci lire di Tozzabancone… ca è parecchio tempo che non lo assaggio…

Giovanna – Vado e torno… (si allontana scappando).

Andonio – …Vire cum allazza!… Oi mà… eravamo rimasti alla principessa…

Cenzina – Ma vire chi capamaronnabelladimemoria ca tene stu figlie!

Adonio – Se la pringipessa mi viene appresso?

Cenzina – Digne ca è tembe perse.

Andonio – E si quedda vole perde tembe?

Cenzina – Mèttela a munnà patate.

Andonio – E si, munnanne munnanne, mi fasce l’occhiolino?

Cenzina – Figlie bbelle, si chiù zeccùs de tassire bonanema… Si ancora te vòle pigliatella!

Andonio – E se per accasarmi cu la Principessa, avessa accire lu Draòne?

Cenzina – Nu dascessere retta a suonne.

Andonio – E si lu Draòne sccatta di vecchiaia e queddi penzano ca l’aggio stutato io?

Cenzina – Fàgnellu crere.

Andonio – E si, na vota accasato, la Pringipessa vòle li basce?

Cenzina – N’ata vòta!… Dagnélle!

Andonio – E addù li piglia?

Cenzina – Inte alla sacchetta!

Andonio – Oi mà, prima ca parte… dascitemi la benerezione.

Cenzina – (gli mena uno schiaffo sopra la fronte) Figlie mie, pozza magnà quanne tiene secca e beve quanne tiene fame…

Andonio si mette in cammino per la fiera. Cammina e parla.

Ah! Crapa mia, craparedda bbella!
Pe nove turnese t’aggia venne…
Né pe diece e manche pe otte.
Nove hanna esse….
Né trenda né mille né settanda.
Nove, pare pare, nove turnése…

Si accosta un forestiero, una faccia da principe, na dengua da Sccola Aveta.

Frastiero – Bellu giovene, che vai parlando solo,/ mica ti è capitato un gran dolòro?/ na disgrazia, un durrupo dell’alma?

Andonio – Stagge purténne la crapa mia alla fera,/ e m’aggia recurdà ca l’aggia venne pe nove turnése,/ manche un sova e manche une sotte…

Frastiero – E questo vai candando, sconzolato?

Andonio – Bell’omo, propio questo.

Frastiero – Nun era meglio se te lo scrivevi?

Andonio – Cioto che siete… E po’ chi gìa candènne?

Frastiero – Nu miserere, nu tantumergo, na cosa gregoriana… che so io… na candatella d’amore, nu sccatta in pace… Un giovane spaccabàsele come a voie!… Ma ditemi, pe l’anema di muorte, dove andate?

Andonio – Alla fera di Pietraadda…

Frastiero – A vendere la crapa?

Andonio – Pele e tutte.

Frastiero – Giovane bello e arso d’ingenuitate, le crape non si vendono più manco davanti al camposanto di Tursi!

Andonio – E voie, banomo, dove vi porta stu penziere?

Frastiero – Pure io vaggio alla fera.

Andonio – Andate alla fera per accattare?

Frastiero – No… vado a vendere.

Andonio – Ma se non tenete manco na ciuccia, na addina, un maialo, doie cicere arrusture, una nzerta d’aglie…

Frastiero – Tengo tanti puorci quanta angeli ci stanno paradiso.

Andonio – Sarà lu sol ca m’ammieppeleia, ma veggio che non portate manco na caggiola cu na palummella da fa mbrodo.

Frastiero – Giovane addelicato… Voie non potete ammirare le bestie che tengo io, perché non avete uocchi per smicciare il loco dove stanno allocate.

Andonio – Scusate, bellomo, ma devo ripetere la canzone de li tornesi, senò mi viene la scordazione.

Frastiero – Cantate pure… voi siete regnante della bocca vostra.

Andonio – (canta) Pe nove turnese l’aggia venne, nove…/ Manch une sova, manche une sotte…

Frastiero – Ma voi, bellu uagliò, vi stonate la capa a seguitare in questa canzone.

Andonio – Ma voi, bell’uomo, cunate la mia ignorantitate, dov’è il loco delle scrofe vostre?

Frastiero – Voi mi chiedete di cunare la vostra insipienza, e io, per l’anima degli angeli morti in cielo, ve la cuno… Voi sapete che la fera di Pietraadda è ranna almeno tre volte quella di Acerenza, e dodici volte più grossa di quella di Moliterno… Alla fera di Pietraadda, l’anno passato, è arrivato niente meno che il Papa, p’accattarse nu par de sciòffele da uno scarparo di Oppido… perché le scioffole di questo mastro salvano da ogni derrupatoio e sono leggeri come pipeli di ginestra a li piedi… Ora, a questa fera meravigliosa, dove viene in pellegrinaggio pure l’Aiutacristo e l’Instrumendo dello Spirito Sando…

(Mentre il forestiero racconta la storia delle scioffole del Magnacristo a Colazione, Andonio si volta di culo come un piccininno che deve fare arrefresccare l’anima di un altro cunto…)

Andonio – Pe nove turnese l’aggia venne, nove…/ Manche une sova e manche une sotte…

Frastiero – Giovane bbello, sccandato di gioventuta, io adduco scrofe, aucieddi dell’Asia ca t’impappinano di colori scherdenti, giummende cu la cora intrecciata, vindinove mule a ttubbe, ca nu sciugliano manco sulla fronta di Dio, novantasette ciuccie femmine che fanno un latte devaciamurre e òfeta, quaranta pariglie di cani da caccia, uttandanove cavalli berberi, ca lu vente abbascia li raglie appena li vere… e doppe… cavezze d’ore e d’argente, masccature pe li cascione de li rre e pe la vocca de li figliole ca ardene, maccaturi di seta che vengono dalla Cina, coltelli ammolati sova la dengua d’ Chi Digge ie… durece mila sacchi di grano cappello…

Andonio – (continua a cantare) Aggia dà la crapa pe durece turnèse…(perplesso) Cristelleison… Durece o nove?

Frastiero – Che andate ngravugliando, giuvenò?

Andonio – La crapa, l’aggia venne a durece turnes o a nove?

Frastiero – Nun ve pigliare pena, belle de zie… durece, o nove, me l’accatta ie.

Andonio – Ma, a quanto ve la daggio? Nu me vene a mmende.

Frastiero – Me la vendete una volta a dodici e un’altra volta a nove. Così non vi sobbagliate.

Andonio – Avete raggione e avete torto… e se la raggione non vi fa torto, pecché s’avessa torce lu cule bellefatte de la zia?…

Frastiero – Voi, giovane ciutigno, potete arresiriarvi pure le menne de na figliola sccattosa col vostro cuoro… la crapa volete che ve la paghi adesso e mo prima de mo?

Adonio – La crapa me la pagate quando vi piace… E ora che tengo la capa accuietata, ditemi, banomo bello… Avete parlate di bestie chiù belle de lo sole… di masccature per lo Paraviso, rinali fattapposta pe li panari di li rre e delle regine… Ma dove tenete tutto questo bene di Dio?

Frastiero – Non vedete li tori novelli, li sessanta rossignuoli, li settecento lenzuoli arricamati?

Andonio – Vendete pure li lenzuoli?

Frastiero – E chi è, na fera, senza li lenzuoli per la sposa?

Andonio – (vagheggia) Ah! Crapa mia. Accàsate prima ca muore!

Frastiero – Voi capite, giudizioso come siete, ca tutta questa robba mica la potevo tenere all’aria!… Fratello mio… Oggi c’è il sole, domani il cielo s’incazza… è vero che poi si scazza, ma un incazzamiendo di cielo non è mica un mappino, na rubbeglia, non sono mica due lisci e bbusse… mi capite? … E per trasportare, tenere a mente, e fare la guardia a questo tesoro di Babilonia ci volevano carretti, maestranze… e voi sapete cosa costano, oggi, le maestranze: s’abbottano come puorchi, s’ingiutiscono di sottapera, di vermutto,e pure se li pigli a cavee ngule, è una misera soddisfazione, se t’hanno perso anche soltanto una oglia, la oglia che servì a ricamare le mutandelle di Scerazade o di Maria Sccattabbotte… E allora, compare mio, qual è il luoco dove puoi ammucciare tori e cavalli, cani e giummende, ciucci e canarie, che con i loro canti ti spruàno e ti addolciscono il cuore?

Andonio – Che luoco è mai questo?… Vi prego, in nome di Santo Rocchino di Tolve, per la bua che tiene sopa il ginocchio…

Frastiero – Questo luoco, giovane mio, bello, è il pensiero.

Andonio – Il penziero!?

Frastiero – Propio! Ddà l’agge mise tutte stu bbene de Ddie! E quanne arrive a la fera, li tire da fuora une pe une, cume se tirene li fiche, li puparuli e li pummadore da inta na sporta.

Andonio – Che meravigliosa meraviglia!…. Ma non vi appesantisce la capa tutta questa mercanzia?

Frastiero – Cuggine mie…nel pensiero, cente cavadde sono chiù leggieri di un verzellino cantante; e Dio stesso, dentro il pensiero, pesa quando il riccio de nu uagliungiedde…

(I tre pellegrini proseguono il loro cammino. Da un momento all’altro, il cielo si guasta, si alza un vento gelido e i tre compagni amati, che non sono Cricche, Crocche e Naso Cacato, si riparano nella locanda di Lucietta Musciarone, ai Piani del Mattino)

Andonio – (bello assettato e con la crapa attaccata alla seggia con un zocarieddo) Ma voie, bellò, come vi chiamate?

Frastiero – (bello assettato pure lui) Rocchino Scarrozza.

Andonio – Sia benedetto il vostro nome e cognomo, assieme alla currescia de li cavezune de mi sire.

Frastiero – E voi, uagliò, come vi annominate?

Andonio – Andonio Scroppo.

Frastiero – Da dove venite?

Andonio – Siamo potenzesi… io e la crapa mia…

Frastiero – (si rivolge all’oste, il marito di Lucietta) Padrò… vorremmo due ciarle di vino fatto con l’uva.

Padrone – Subbete!

(L’oste scompare, ricompare e poggia le due ciarle sul tavolo)

Frastiero – Padrò, questo vino ha un nome?

Padrone – Si chiama Abbiatòrio, perché arbe la strada…

(Rocchino e Andonio si fanno una bevutella)

Rocchino – (con una smorfia amara) Stu vine secca la vocca cume li peccare d’ lu Padratern seccarene a Criste…

Padrone – Signore mio… mi state dicendo che non vi aggarba?

Rocchino – Male fasciette, a nun mette, assieme a li pettirosse, li cardille e li buoie, doie fiascarelle di vino buono…

Andonio – Nel vostro pensiero?…

Frastiero – E addù è na candina chiù fresca?…(rivolto al padrone) Padrò, ma voi, il vino lo fate con le patate fràgere o con le cocozzielle?

Padrone – Signore mio… voi volete pazziare… questo è vino da leccarsi na goccia pe nderra.

Rocchino – (al padrone) È vero, come si conta, che alla fera di Pietraadda ci sarà, quest’anno, il Lindo e Pinto, il Patro della Iglesia, cu nu cufenature di preveti appresso? Mi hanno riferito che viene a accattarsi nu pare di uanti?

Padrone – (si accosta a Rocchino e abbassa la voce) A me hanno riferito che viene a provare un cacaturo miracoloso, che, appena ti assetti, face scomparire i frungoli in culo…

(Andonio dalla capa leggera carezza la crapa e racconta, na nzenga alla capra, una nzenga per i cazzi suoi, un cunto)

Andonio – Cumma atta gèse a scupà la chiesa… e scupènne scupènne, acchiase un soldo… E propio questo penzas: “ Si m’accatta na mela, aggia duvà la scorza… Si m’accatta na nocia, aggia duvà la scorza… si m’accatta na mela… po’ ess ca gne trove li verme… Sa chi facc’? Mo mi vado a accattare un rossetto, mi metto a la finestra… chissà passe nu belle uagliò…

Andonio – (interrompe il cunto e dice al suo compagno di viaggio) Bellò… se il Papa non acchia li uandi a genio suo… voi… nel pensiero, lo tenete nu pare di uande fatte a uande?

Rocchino – (alza la voce, in modo da farsi sentire dal padrone) Tengo camicie di lana persiana, cavezette che vengono dall’America, mutandee che arrefresccano l’anima… lenzuoli che sono un Arrecreatorio…

Padrone – (incuriosito) Assigniria, vendete lenzuoli?

Rocchino – Lenzuoli ca vi fanno uscire d’uocchi da fuori.

Padrone – Veramende?!

Andonio – Certamende!

Rocchino – Li volete accattare?

Padrone – …Tengo una figlia da accasare.

Rocchino – È bellafatta?

Padrone – Io sono l’attano… e, come si dice, “ha chieste a u furnare si u pane è bbuone”. Ma vi pozzo assicurare ca gne fanne serenate matina e sera… vènene da la Puglia, da la Cambania… Ma nu gne piasce nisciùne…

Rocchino – È nasca tesa?

Padrone – Pe lamor d’ Crist! È na figliola ca gne poie affunnà lu pane…

Andonio – Scusate… tenessive na nzenga di sale pe la crapa mia.

Padrone – Cumbariedde mie, lu sale costa. Ma l’affezionamento che mostrate per questa crapa vale zucchero e sale, e pure due spicchi d’arangia… (rivolto a Rocchino)… Mia figlia, na cascia di panni già la tène, ma gne manchene li denzuol arricamati… Li lenzuoli che vendete voie so arricamati?

Rocchino – Li lenzuole ca viaggene cu mi, li uardo ogni sera, prima di corcarmi… (fa segno al tavernaro di accostarsi e il tavernaro si accosta) Sono lenzuoli fatati…

Padrone – (pieno di meraviglia) Fatati?!

Rocchino – Sono in mano a una fatazione… un incantesimo…

(Andonio, dopo un paio di appresate alla ciarla, si è messo a dormire con la capa sul tavolo, ma sente tutto nel sonno, e, ogni tanto, non si capisce perché, ride)

Padrone – Un incantesimo!

Rocchino – Inta a questi denzuoli spariscono li patimenti. Sole ca uno si stenne, senza manche arravugliarse… e non sente più dolori alla corla, a li genocchi, alla panza…spariscono le malatie di Ndò Ndò… se ne vanno per l’aria li mali di capa… le scorciature e corteddate d’amore… Perciò, a guardia di questi lenzuoli ci stanno quaranta cavalieri, cu spade, sciabole, angìne, sccuppette, pizze di boie, laghenatùri… E questi cavalieri uardanti sono istruiti, da quando erano pizzaculi, a piglià a cavece chiggionca si accostasse…

(Andonio apre gli occhi un momento, mena na coscca e si riaddormenta)

Padrone – Assigniria, mica mi pigliate per ciuoto?

Rocchino – (arrabbiato)Amico bello, io non prendo per ciuota manco la memella carnale curiosa de soreta.

Padrone – Sia beneretto chi annomena lu pane!…Ma dovete convenire, che pure un angelo di Dio, se avesse ascoltato questo cunto si sarebbe grattato li sonne e almeno una chiappa di culo…

Rocchino – La vostra maraviglia è segno di onestitudine. Bella come la meraviglia di un principe al cospetto della morte…

Andonio – (nel sonno) Sia benerette lu cule de lu pane, appena sfurnare, sova lu diett.

Rocchino – Questi lenzuoli sono stati arricamati dall’Arcangelo Gabriele…

(Andonio si sveglia, si mette la testa tra le mani, gomiti sul tavolo, e fissa nel vuoto, con il cuore fatto ancora più dolce dal vino)

Padrone – L’arcangelo…

Andonio – (gli vengono in mente cose sentite chissà quando) Li sciabbole stanne appese e li fòdere cumbàttene…

Padrone – Ma… l’arcangelo Gabrielle non è quedde ca avvisase la Maronna?

Rocchino – Certo.

Padrone – Che arrecamasse lenzuoli, è la prima vota ca lu sende…

Rocchino – L’arcangelo Michele, invece, è mastre a ricamà maccature…

Andonio – (svalia) È chiangiur veramend lu mort ca nun ndascia niend…

Padrone – (gira la faccia e pensa ad alta voce) E si gn’ foss’ davver stu balsam d’ denzuol, sta grazzia d’ Ddie!

Rocchino – Padrò… a che pensate?

Padrone – A quello che mi avete detto.

Rocchino – A proposito di questi lenzuoli, sappiate che nessuno li può tenere a mmende, e chi gn’ tras per salvamendo, si deve fasciare gli uocchi, perché lo tessuto è così addelicato che solo una vergine, che pure nel sonno vergine è stata, li può guardare… Voi sapete che dentro al Sonno, pure una creatura può compiere una malaziona… e il Padreterno, trovandosi a sognare, potrebbe scorciare con li dogn’ li astri de lo cielo e la faccia de la Madonna… perché i sogni non lo comanda nessuno… così ha scritto e ripetuto a campanello il Padreterno…

Andonio – (mena nu bbann) Chi avess truvàr nu ruppel amar/ lu purtass, all’istand, a lu Sanitarie/ Ca ndùppela e stùppela, s’ pozza affuà/ abballènn, abballà…

Rocchino – Padrò… io, il mio compagno svaliante e la crapa siamo stanchi. Teniamo una stanchezza accisa. Ci sono due iazzi fatti a iazzi?

Padrone – Ve li faccio preparare da mia figlia.

Rocchino – Sono a frasche o a lana?

Padrone – Come più meglio vi aggrada.

Rocchino – A frasche giovani.

Padrone – Siete fortunati… l’ata matina amm fatt n’anghiura di lana dolcia…

Rocchino – Chi la sbattìa, candava?

Padrone – L’ha sbattù mia figlia…

Rocchino – Candava?

Padrone – E li préver s’affuòen nganna…

Rocchino – Pecché li prèver s’affuòen nganna?

Padrone – Pecché s’ mènen pur li spin d’ Crist…

Rocchino – Scusate… si può avere una nzenga assai di baccalà con due puparuli cruscchi?

Padrone – Tengh’ nu baccalà ca è chiù dosc d’ na man d’ na femmena all’ascur…

Rocchino – E i puparuli? Chi li cucina?… Voi sapete che i puparul cruscchi richiedono una mano da principessa e un occhio da aggiustatore di rellogi…

Padrone – I puparul, li mena nella pariedda la figlia mia… li tira con la fercina… e se la fercina è sparita, perché le fercine scompaiono, proprio quanno li vai acchiando, la figlia mia tira li puparul cu li dir soie, li puparul s’arrecreano… e mai nu puparul ca s’è ars…

Rocchino – Portate due parzioni… Che siano abundandis…

Padrone – Sùbbet!

Andonio – (si alza dalla seggia) Li zit so cum a li piatt… diec s’ n’ rompen, cend s’ n’accatten… (si assetta un’altra volta)

Padrone – (porta due piatti di baccalà con arravogliamendo di puparuli crucchi)

Rocchino – (rivolto a Andonio) Uagliò… sciòscet lu nas, ràttet li diglie, strecati il musso dell’anima, lavati le mani nel cuore di Cristo ca perdes acqua quann gn’ menaren na langiara, e abbìati nel cannarone stu baccalà (send chi addor) e sti puparul cruscch…

Andonio – (incantato) Cu nu si t’ mpiccia, cu nu no t’ spiccia… Chi zappa bev acqua, chi pota bev vin…

Padrone – E mò…arbir la bocca…ca nisciun v’ chiama buccole…

(Rocchino e Andonio si fanno una bella mangiata di baccalà e di puparuli cruscchi. Andonio si lascia andare una spina in gola. Rocchino se ne accorge, gli mena due dita nganna e gli tira via la spina)

Rocchino – Uagliò, m’haie fatt appaurà…

(È corso pure il padrone della cantina, pure lui appaurato dalla faccia di Andonio ca s’ stacìa affuann’ cu quedda disgrazziara, sfaccima, quedda puttana d’ spina, trasura nganna, e int a lu cunt, cum a nu prèver int a la festa…)

Padrone – Era na spina granda o picciola?

Rocchino – Se indovinate vi faccio scozzolare doie castagne…

Padrone – (rivolto a Andonio ) State più attento…

Andonio – (fa una nzenga di tosse, si mette e ridere con gli occhi) Chi racioppa, pur vernegna…

Rocchino – (rivolto al padrone) Per il viaggio, che sarà lungo assai, perché prima di giungere a Pietraadda, devo passare da Sand Fel p’ salutà nu cuggin ca m’ ven pur cainat p’ part d’ na zia ca s’è accasà cu lu fra d’ l’attan d’ nu cumpar d’ San Giuvann d’ na ziana d’ mi migliéra… mi piacerebbe avere una compagnia… A me, ve lo dico come a un fratello, mi fa sentire col cuore in pace sentire due compagni che parlano, si fanno una chiacchiera mentre il cuore va al sonno. E quando viaggio, mi piace sentire qualcuno che mena una canzone ogni tanto… uno chiodde e arbe gli uocchi e gli pare di stare nella panza di sua madre, addò arrivavano le voci del vento, quelle de li zit arranzati alla finestra…

Padrone – (parlando sottovoce, con se stesso) Questi pensieri glieli ha messi da int a li rrecchie, qualche angel d’ Ddie. So io come accontentarlo… (rivolto a Rocchino) Datemi tempo fino a domani e vi troverò la più bella compagnia che avete mai avuto nei vostri viaggi, azzett sia…

Rocchino – Sia lodato il racconto di San Nicola ca m’ cuntas mi mamma… Noi partiamo alla prima ombra di sole… Questa compagnia che mi dite, vorrei trovarla già in groppa a una bestia…

Padrone – State tranquillo… questo è penziero mio.

Rocchino – Di cuore arioso voglio questo compagno… e l’allegria sua deve essere gentile.

Padrone – Vi ho letto nel pensiero… adesso bevete, che il vino vi riscalda e vi spoglia…

Andonio – Val chiù n’ammiria ca na scuppettata…

Rocchino – (caccia una moneta d’oro dalla tasca e la fa cadere sul tavolo) Questa miseria è per voi… e non vi offendete.

Padrone – (guarda la moneta d’oro, la tocca, e ritrae la mano come si fosse scottato) Vir chi bellezza!

Rocchino – Se ingarrate la compagnia… ve ne daggio altre venti di queste miserie.

Padrone – Voi state in mano all’arte.

Rocchino – Per farvi vedere quanto tengo a quella compagnia, e che il pensiero di trovarla m’enghie il cuore, ecco quello che vi ho promesso per domani… (tira fuori un sacchettino da sotto la giacca, lo apre e fa cadere un mucchio di monete d’oro). Sono tutte per voi, ma state attento… uno di questi tornesi d’oro l’ha tirato fuori un angelo dalla natura di una figliola, più bbella e buona di cuore di quella Scerazade che si nomina nel cunto delle Mille e una notte, che voi dovete conoscere…

Andonio – (guarda li tornesi d’oro) Sono assai più belli li campaniedd della crapa mia (agita i campanelli della crapa sua).

Rocchino – (rivolto al padrone) Quando è più dopo ve li contate… Adesso fateci vedere la stanza con li iazzi, che tengo più fame di sonno che di corcarmi.

(Il tavernaro aùna, con la delicatezza di un criaturo cecato, li tornesi d’oro, arbe il sacchetieddo e le mena inta).