Marziale/ 1

"Chirurgo fu Diaulo, ora beccamorti;/ su un letto sta, e stava, il suo cliente".

di in: Cartoline d'autore (0)

1.9

Bellus homo et magnus uis idem, Cotta, uideri:
sed qui bellus homo est, Cotta, pusillus homo est.

Gentile e grande vuoi essere, Cotta:

Cotta, ma chi gentile è, fregnone è.

1.16

Sunt bona, sunt quaedam mediocria, sunt mala plura
quae legis hic: aliter non fit, Auite, liber.

Roba buona, altra così, molta fuffa

qui ci leggi, Avito: un libro quest’è.

1.25

Ede tuos tandem populo, Faustine, libellos
et cultum docto pectore profer opus,
quod nec Cecropiae damnent Pandionis arces
nec sileant nostri praetereantque senes.
Ante fores stantem dubitas admittere Famam
teque piget curae praemia ferre tuae?
Post te uicturae per te quoque uiuere chartae
incipiant: cineri gloria sera uenit.

Dai, Faustino, editto pubblico ai libri

tuoi, spremi dal cuore dotta opera

(di Cecrope le rocche e di Pandione,

e i vecchi nostri tacciano ogni ammenda).

La fama lasci dubbioso alla porta,

premiare la fatica ti rincresce?

Vivano adesso le carte, vivranno

dopo te: la gloria ti bacia morto.

1.30

Chirurgus fuerat, nunc est uispillo Diaulus:
coepit quo poterat clinicus esse modo.

Chirurgo fu Diaulo, ora beccamorti;

su un letto sta, e stava, il suo cliente.

1.91

Cum tua non edas, carpis mea carmina, Laeli.
Carpere uel noli nostra uel ede tua.

Non dai alle stampe i tuoi e dai ai miei;

i tuoi versi pubblica, Lelio, o taci.

1.118

Cui legisse satis non est epigrammata centum,
nil illi satis est, Caediciane, mali.

Male che basta non c’è, Cecidiano,

a chi non bastano cento epigrammi.

(Traduzioni di Danilo Laccetti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *