A Colonia in treno

E sembra naturale, istintivo levare lo sguardo in su (si deve piegare di molto la testa all'indietro) per provare a capire in quali punti del cielo le due torri appuntite si perdono; a me capita puntualmente (ad Amburgo, a Münster, qui a Colonia, non importa) di udire (e non so spiegare perché, ma sento) il rombo dei bombardieri in formazione sulle città tedesche.

Giungere a Colonia in treno, attraversando il ponte in acciaio sul Reno, scendere allo Hauptbahnhof e veder sorgere immediatamente, vertiginose, le torri del Duomo: il Reno a Colonia e il Duomo sono uniti da questo nesso (singolare, forse), almeno per chi vi giunge da altrove e in treno.

Ci sono stati i secoli nei quali le case e i vicoli medioevali s’assiepavano attorno alla mole del Duomo, poi i bombardamenti durante la Seconda Guerra mondiale hanno spazzato via tutto lasciando soltanto la sagoma annerita dell’edificio sacro – la ricostruzione ha deciso per un ponte a tre campate con struttura in acciaio che scavalcasse il Reno portando i treni proprio a ridosso del Duomo.

Lo Hauptbahnhof è un vasto agglomerato di servizi ferroviari, ovviamente, e di spazi commerciali, vetrine, merci in esposizione e in vendita – lo si attraversa ritrovandosi sul fianco del Duomo, si raggiunge poi la vasta piattaforma costruita innanzi ai portali d’ingresso all’edificio. E sembra naturale, istintivo levare lo sguardo in su (si deve piegare di molto la testa all’indietro) per provare a capire in quali punti del cielo le due torri appuntite si perdono; a me capita puntualmente (ad Amburgo, a Münster, qui  a Colonia, non importa) di udire (e non so spiegare perché, ma sento) il rombo dei bombardieri in formazione sulle città tedesche: si vedono chiaramente le tracce nere degli incendi sulle murature, sulle modanature gotiche, sugli archi a sesto acuto e a me sembra che la mente completi la percezione visiva tramite sensazioni uditive.

Sebald sostiene a ragione che un enorme rimosso della coscienza dei Tedeschi siano proprio i bombardamenti a tappeto che distrussero gran parte delle loro città (Luftkrieg und Literatur pubblicato in italiano con il titolo Storia naturale della distruzione) – Anselm Kiefer popola le sue opere di campi arsi dagli incendi, di abiti, biciclette, grumi di vernici bruciacchiati o corrosi dal fuoco, spesso fa colare sulle grandi tavole dipinte piombo fuso che raffreddandosi si rapprende in enormi scotomi che accecano la perspicuità del dipinto.

Paul Celan e Ingeborg Bachmann s’incontrarono a Colonia il 14 ottobre 1957 durante una delle tappe del loro tormentato amore e il 20 ottobre, in Quai Bourbon a Parigi, Paul scrive e dedica a Ingeborg Köln, Am Hof, la lirica che comincia con il composto «Herzzeit» (tempo del cuore) e che dice del sentirsi banditi da un luogo e da un tempo e dell’avvertirsi persi, che pone in relazione due duomi («Ihr Dome») non visibili, due fiumi («ihr Ströme»)  inascoltati e due orologi sprofondati in entrambi i noi («ihr Uhren tief in uns») – percorrendo Quai de Bourbon, situato all’estremità occidentale dell’Île Saint-Louis, solo nella sua parte terminale che fronteggia l’Île de la Cité si scorge l’abside di Notre Dame, da qui il motivo per cui i due duomi (quello parigino e quello coloniense) vengono definiti «ungesehn» (non visti) e i due fiumi («unbelauscht», non ascoltati) sono, ovviamente, la Senna e il Reno, mentre gli orologi che misurano il tempo dell’amore, dell’incontro e della separazione stanno profondi nei cuori di entrambi gli amanti; nella lettera che il poeta scrive a Ingeborg e che contiene la poesia, Celan ne annota con cura giorno e ora di composizione: domenica, le due e mezzo di pomeriggio.

E parte del titolo della lirica (Am Hof), pur rimandando all’indirizzo dell’albergo dove Paul Celan alloggiò in quei giorni a Colonia, allude all’area della città tedesca situata tra la “corte episcopale” (der Hof) e la piazza del Municipio in passato abitata da famiglie di origine ebraica: è il tempo dilatato d’Europa, sono orologi che hanno regolato (regolano ancora?) un andirivieni di treni che, più di una volta, appartengono al volto feroce della storia.

Giungere a Colonia in treno, prepararsi a scendere (Köln Hauptbahnhof), scorgere il Reno lampeggiare nella tramatura delle strutture in acciaio del ponte, poi la velocità che diminuisce, l’arresto al fischio lungo dei freni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *