Il crogiolo magico svelatore/ 4

DE VIVO Crogiolo 5

[…]

E l’oscuro poeta

diluvia ottave e sputacchia sonetti

sperpera carta e inchiostro

si secca il cereviello

consumando sia i gomiti che il tempo

solo affinché la gente

lo ritenga un oracolo mondano.

Sembra uno spiritato

pallido e rimbambito

a causa dei concetti

che fantastica e impasta,

e va parlando da solo per  la strada,

scovando voci nuove a mille a mille:

torreggianti pupille

liquido sormontar di fiori e fronde,

funebri e stridule onde,

animati piropi

di lubrica speranza,

oh che dismisurata oltracotanza!

Ma prova a crogiolarlo,

se ne va tutto in fumo:

«Oh che bella poesia!», ma là rimane.

«Che madrigale!», e spende.

E andando a scandagliare,

quanti più versi fa, meno c’è carne.

Loda chi lo disprezza

esalta chi lo perseguita,

eterna memoria serba

di chi se lo dimentica;

dona le sue fatiche

a chi non gli dà niente;

sperpera la sua vita:

canta per gloria e per miseria piange.

 

“Sono passati i tempi di San Martino, quando si teneva ogni poeta in pianta di mano! Fatto si è che in questa buia età, i Mecenate sono bell’e macinati, e a Napoli per di più – e io me ne addoloro – l’alloro è posto dietro al cavolfiore!”

 

L’astrologo, lui pure

riceve da ogni parte

tante e tante domande.

Chi vuol sapere se fa un figlio maschio,

chi se sarà buon tempo,

chi se vince una causa,

chi se avrà mai fortuna;

uno chiede se la sua donna lo ama;

un altro se rintrona o c’è l’eclisse.

E qui lui fa papocchi

che ci vorrebbe un argine,

e mezza la indovina e cento sbaglia.

Ma qui dentro al crogiolo

puoi vedere se è polvere o farina:

e se forma quadrati

si ritrova allungato;

e se disegna case,

non ha casa né fuoco;

mostra figure e scopre brutte storie;

sale fin su le stelle

e cade di culo in terra

allorquando, stracciato e sbrindellato,

tutto pezze e pezzolle,

gli cascano le brache

ed ecco ammiri l’astrologia più vera

che mostra l’astrolabio con la sfera!

 

“Fratello, mi fai ridere, sebbene non ne abbia voglia! Ma soprattutto io rido a crepapelle di chi crede a questa gente, che pretende di predire a un altro e non predice quel che gli viene addosso: guardando le stelle rotola in un fosso!”

 

Un altro crede d’essere Patrasso

e se la tira e stira,

squadra le sue parole e sputa tondo,

si ritiene il migliore a questo mondo.

Se parli di poesia

salta a piè pari perfino Petrarca,

se di filosofia

può mettere Aristotele in panchina,

con l’abaco lui supera Cantone,

nell’arte della guerra Cornazzano;

tra gli architetti, manda via Euclide;

in musica trova pecche a Gesualdo,

di legge non sa niente Farinaccio,

e in lettere non calcola Boccaccio,

sputa sentenze e blatera consigli

ma non val niente al gioco dei birilli.

Insomma all’atto pratico

osservi, in conclusione,

tra una marea di libri, un gran coglione.

 

“Oh, che bestialità presumere di sapere più di tutti! Un grande filosofo diceva accortamente: «Chi pensa di sapere, non sa niente»”.

 

Dove metti l’alchimia e l’alchimista?

Ecco è tutto contento

già si stima felice

e tra venti o trent’anni,

promette cose grandi,

dice cose stupende

che ha trovato stillando l’alambicco,

e spera di esser ricco.

Ma se va nel crogiolo,

tutto diventa niente

e l’arte che è sofistica tu vedi,

vedi quanto è accecato,

sporcato e affumicato,

avendo posto colonne di speme

sopra vasi di vetro;

avendo posto pensieri e progetti

tutti in mezzo a un bel fumo;

e mentre con il mantice

va innalzando le fiamme,

con le parole intanto

alimenta il desiderio di chi aspetta

quello che mai verrà.

Va in cerca di rimedi

e lo prendono per pazzo,

per ritrovare la materia prima

perde la propria forma;

s’illude di aumentare

l’oro, ma diminuisce quel che ha;

sogna di far guarire

i metalli ammalati

ma è lui che va a finire in ospedale;

e cercando di cambiare

l’argento vivo, che si spenda e valga,

la sua vita, faticando, si squaglia;

e mentre immagina di trasmutare

in oro ogni metallo,

si tramuta lui stesso in un cavallo.

 

“Senza dubbio è una pazzia sposare quest’impresa. Ho visto cento case abbandonate e rovinate! Nessuna luce mai, ma disperato per grande speranza, sta l’alchimista circonfuso di fumo e senza panza”.

 

Ma per caso ne vuoi ancora di storie?

Ti vedo a bocca aperta ad ascoltare:

fino alla rosa io andrei avanti

se l’anima non stesse per cascare,

che da poco passò l’ora di pranzo!

Perciò filiamo via

e vieni, se ti piace,

alla bottega mia,

le mascelle staranno in movimento:

non manca il pane a casa dei pezzenti.

 

[IV – Fine de IL CROGIOLO MAGICO SVELATORE]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *