Marziale/ 2

"Sbràcati, bevi, cogli rose, ungiti./ Ordina un dio: la morte non ti scorda"

di in: Cartoline d'autore (0)

2.27

Laudantem Selium cenae cum retia tendit
accipe, siue legas siue patronus agas:
‘Effecte! grauiter! cito! nequiter! euge! Beate!’—

‘Hoc uolui! Facta est iam tibi cena, tace.’

Se leggi o patrocini, porta Selio:

in caccia di una cena bene adula.

“Bravo, dai, bis, vergogna, moltevvìva”.

“La cena è pronta; può bastare, taci”

2.59

Mica uocor: quid sim cernis, cenatio parua:
ex me Caesareum prospicis ecce tholum.
Frange toros, pete uina, rosas cape, tinguere nardo:
ipse iubet mortis te meminisse deus.

Briciola sono, saletta da pranzo:

da qui vedi dei Cesari le tombe.

Sbràcati, bevi, cogli rose, ungiti.

Ordina un dio: la morte non ti scorda.

2.73

Quid faciat uolt scire Lyris. Quid? Sobria fellat.

Liri cosa fa, chiedi? Sobria succhia.

3.15

Plus credit nemo tota quam Cordus in urbe.
“Cum sit tam pauper, quomodo?”Caecus amat.

Nessuno presta a Roma più di Cordo.

Lui? Così pezzente? È cieco d’amore.

3.72

Vis futui nec uis mecum, Saufeia, lauari:
nescio quod magnum suspicor esse nefas.
Aut tibi pannosae dependent pectore mammae
aut sulcos uteri prodere nuda times
aut infinito lacerum patet inguen hiatu
aut aliquid cunni prominet ore tui.
Sed nihil est horum, credo, pulcherrima nuda es.
Si uerum est, uitium peius habes: fatua es.

Ai bagni insieme no, scoparti sì;

Saufeia, quale magheggio nascondi?

O ti pendono appese giù le tette

o temi nuda i solchi del tuo ventre,

o lì ce l’hai lacera all’infinito,

o la fica caccia qualcosa dalla

bocca; no, lo so, nuda sei bellissima.

Se è così, ben altro hai, peggio: sei scema.

3.79

Rem peragit nullam Sertorius, inchoat omnes:
hunc ego, cum futuit, non puto perficere.

Tutto inizia, nulla compie Sertorio.

Se scopa (penso), arriva fino in fondo?

(Traduzioni di Danilo Laccetti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *